ARANCIN* ALLA PARMIGIANA

ARANCIN* ALLA PARMIGIANA

Questa volta ho davvero esagerato, lo riconosco!

Era da un sacco che avevo in mente questa ricetta, ma continuavo a rinviare perchè mi sembrava veramente troppo. Ma poi ho pensato: la prova costume è ormai superata, la seconda metà del 2020 non si preannuncia migliore della prima… così ho fatto un respiro profondo ed ho iniziato a friggere!

Quanto a te, non indugiare: è una tentazione a cui non si può resistere! E allora inspira e lasciati andare e il prossimo passo sarà addentare l’arancin* strapieno di parmigiana filante!

INGREDIENTI per 11-12 arancin*:

per gli/le arancin*:

  • 500 gr di Riso roma,
  • 3 foglie di Alloro;
  • 50 ml Olio evo;
  • 1 Bustina di zafferano;
  • 1,250 ml di acqua;
  • Olio di semi per la frittura;

per la parmigiana:

  • 2 Melanzane;
  • 800 gr di Pelati;
  • 1/2 Cipolla piccola;
  • 80 gr di formaggio Violife;
  • 45 gr di Gondino stagionato;
  • Lievito Alimentare q.b.;
  • Basilico;
  • Sale.

PER LA PASTELLA:

  • 200 gr di Farina;
  • 350 ml di Acqua fredda;
  • Pangrattato q.b.;
  • Olio per friggere;
  • Tanto amore.

strumenti:

  • Arancinotto.

PROCEDIMENTO PER IL RISO (da preparare il giorno prima) :

In una pentola capace mettere il riso, abbondantemente risciacquato sotto l’acqua, unire l’olio, l’alloro, l’acqua a temperatura ambiente e lo zafferano. Avviare la cottura, avendo l’accortezza di girare bene e spesso; occorreranno 16-20 minuti affichè il riso assorba tutta l’acqua; quindi trasferirlo in una teglia ed allargarlo per favorirne il raffreddamento.

PROCEDIMENTO PER LA PARMIGIANA (da preparare il giorno prima):

Preparare il sugo frullando i pelati e la cipolla; trasferirli in una padella capiente e far cuocere per un’oretta circa.

Nel frattempo, mondare le melanzane e, per ottimizzare i tempi ed ottenere delle fette  delle stesso spessore, affettarle con la mandolina.

Friggerle in olio ben caldo e sistemarle su un vassoio coperto da carta assorbente.

N.B.: per ottenere un piatto senza glutine, ho evitato di infarinarle prima di friggerle e il risultato finale non mi ha fatto rimpiangere l’assenza della farina!

Una volta cotto il sugo, aggiustare di sale e aggiungere qualche foglia di basilico fresco.

Preriscaldare il forno a 200°.

A questo punto non rimane che ridurre in tocchetti il Violife, grattugiare il Gondino stagionato e procedere ad assemblare la parmigiana.

Spargere, sul fondo di una pirofila, qualche cucchiaio di sugo; sistemare uno strato di melanzane (le migliori e della stessa grandezza lasciarle per lo strato finale!), coprire con un strato di sugo, una spolverata di lievito alimentare, una di Gondino ed il Violife a tocchetti.

Coprire con un altro strato di melanzane e continuare così finchè non saranno terminati gli ingredienti. Concludere con le melanzane, il sugo ed una spolverata di lievito alimentare.

Coprire la teglia con carta stagnola ed infornare per 30 minuti; togliere la carta stagnola negli ultimi 8 minuti e passare alla modalità “grill”.

Lasciar raffreddare completamente.

FORMARE GLI/LE ARANCIN*:

Sistemare sul piano di lavoro tutti gli ingredienti e quindi il riso perfettamente raffreddato, la parmigiana anch’essa fredda ed il Violife tagliato a cubetti.

A questo punto formare gli/le arancin* con il pratico “arancinotto”, un attrezzo utilissimo che consente di realizzarne di perfetti/e in pochissimi e semplici passaggi. Se non ce l’hai, puoi comunque procedere inumidendoti leggermente il palmo della mano, mettendoci sopra un po’ di riso, ponendo al centro un po’ di parmigiana e qualche cubetto di Violife e  richiudendo delicatamente dando la caratteristica forma rotonda o a punta.

Passare gli/le arancin* appena formati nella pastella ottenuta mescolando farina ed acqua, poi ripassarle nel pangrattato e, infine, friggerli/e in abbondante olio di semi.

Scolarli/e su della carta assorbente  e servire.

 

Spero che questa ricetta ti sia piaciuta tanto da spingerti a replicarla. Qualora lo facessi, ricorda di taggarmi su Instagram con #lapulcenellorecchio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.