POLPETTE DI CIME DI RAPA

POLPETTE DI CIME DI RAPA

Concorderai con me che qualsiasi alimento, appallottolato e fritto, è irresistibile, se poi si tratta di cereali e legumi avanzati, salverai la cena con il minimo sforzo!

Considerando che le dosi sono da reggimento, potrai anche congelare le polpette per beneficiarne in più occasioni… magari quando la stagione delle cime di rapa sarà terminata e tu ripeterai, come, ogni anno e come per ogni alimento che ti piace, che sono la cosa più buona che esista e che ne hai mangiate fin troppo poche!

INGREDIENTI:

  • 300 gr di Cime di rapa già cotte;
  • 250 gr di Fagioli Perla Bianca;
  • 175 gr di Cavolfiore lesso;
  • 150 gr di Grano saraceno;
  • 3 cucchiai di farina di Polenta più quella per la panatura;
  • Sale;
  • Pepe;
  • Olio per friggere;
  • Tanto Amore.

PROCEDIMENTO:

Tenere in ammollo i fagioli per una notte; scolarli e trasferirli in una casseruola capiente, coprirli di acqua, aggiungere uno spicchio di aglio ed una foglia di alloro e lasciar cuocere per due ore.

Mondare le cime di rapa, scegliendo le parti più tenere, e lavarle bene.

In una padella antiaderente sufficientemente larga, versare dell’olio evo e due spicchi di aglio; non appena si saranno dorati, aggiungere la verdura e coprire con il coperchio. Far cuocere a fuoco vivace per 20 minuti, girando di tanto in tanto e aggiungendo poca acqua solo se necessario. Aggiustare di sale e aggiungere un po’ di peperoncino.

A questo punto, non resta che occuparsi del grano saraceno. Sciacquarlo bene e lessarlo in acqua salata per 20 minuti o per il tempo riportato in confezione.

Scolarlo e versarlo in una ciotola capiente che possa contenere tutti gli altri ingredienti; aggiungere i fagioli ed il broccolo caldi e, infine, le cime di rapa tagliate in piccoli pezzi.

Aggiustare di sale e pepe; aggiungere la farina di polenta per dare più consistenza all’impasto.

Mescolare bene tutti gli ingredienti, premendo, con il dorso di un cucchiaio per ridurre in purè parte dei fagioli e il cavolfiore. Evitare di ricorrere a frullatori o cose del genere, perchè è bello sentire sotto i denti varie consistenze.

Il risultato deve essere un impasto morbido, ma, nello stesso tempo, sodo.

Lasciar riposare in frigorifero per 40-60 minuti.

Trascorso il tempo indicato, formare le polpette; passarle in altra farina di polenta e friggerle in olio di semi caldo.

Servire calde.

NOTE:

  • Puoi sostituire i fagioli Perla Bianca con i cannellini: saranno ugualmente buone!
  • Altri cambiamenti posso riguardare il grano saraceno ed il cavolfiore. Personalmente ci vedrei bene il riso, il miglio, il sorgo, ma anche  la quinoa e l’orzo. Come legante, invece, al posto del cavolfiore, potresti usare la patata o la zucca, cotte a vapore.
  • Se non hai voglia di friggere, puoi cuocere le polpette in forno preriscaldato a 180° per, almeno, 30 minuti, fino a quando non saranno belle dorate.
  • Con le dosi indicate ho ottenuto 23 polpette grandi. A seconda del tempo e delle mani laboriose che collaboreranno alla preparazione, ne potrai ottenere almeno il doppio dalle dimensioni più ragionevoli!

Spero che questa ricetta ti sia piaciuta tanto da spingerti a replicarla. Qualora lo facessi, ricorda di taggarmi su Instagram con #lapulcenellorecchio.

 

Precedente I BISCOTTI DELLA CIURMA Successivo PANE CON FARINA DI TEFF E SEMI MISTI

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.