GIARDINIERA DI ZIA ROSA

GIARDINIERA DI ZIA ROSA

La “Giardiniera di zia Rosa” è una salsina di verdure preparata, manco a dirlo, da mia zia a fine estate e da lei poi distribuita ad amici e parenti, com’è consuetudine dalle nostre parti.

Il fatto di farla a fine stagione non è un caso: le verdure, infatti, hanno un gusto, un profumo ed una dolcezza certamente non paragonabile alle primizie.

Questa salsina ci accompagna per tutto l’anno, quando melanzane, peperoni e pomodori dovrebbero sparire dal mercato… E’ un ottimo prodotto per arricchire e rendere stuzzicante anche il panino più semplice. Provala e mi confermerai la bontà, senza tener conto della soddisfazione di averla fatta con le proprie mani!

INGREDIENTI:

  • 1 kg di Peperoni;
  • 1 kg di Melanzane;
  • 800 grdi Pomodori verdi;
  • 2-3 spicchi di Aglio;
  • qualche cuore di Sedano;
  • 1 litro di Aceto;
  • 200 gr di Acqua;
  • Sale;
  • Peperoncino;
  • qualche fogliolina di Menta;
  • Olio;
  • Tanto Amore.

PROCEDIMENTO:

Lavare e mondare le verdure. Affettarle grossolanamente e frullarle ad intermittenza (e a più riprese, se non hai un frullatore molto capiente!) insieme all’aglio, alla menta ed al sedano. NOTA BENE: Non si deve ottenere un purè, ma un trito fine.

Versare il composto ottenuto in una pentola capiente; aggiungere l’acqua, l’aceto, un po’ di sale ed il peperoncino. Accendere il fuoco e portare a bollore. Le verdure non dovranno cuocere, perciò, scolarle non appena iniziano a bollire.

Sistemarle in un canovaccio pulito, che non sia stato lavato con detersivo e/o ammorbidente, e lasciarle scolare per 24 ore. Per comodità, io sistemo il telo su uno scolapasta che poi colloco o all’interno del lavello o in una ciotola.

Trascorso il tempo di riposo, strizzare benissimo il canovaccio per eliminare i liquidi delle verdure; serviranno molta forza e pazienza!

A questo punto, travasare la giardiniera nei vasetti di vetro, puliti e sterilizzati. Con questa dose sono riuscita a riempire 2 barattoli da 350 gr ognuno e 1 più piccolo da 80gr.

Livellare le verdure e coprirle con uno strato di olio evo. Chiudere i vasetti con i coperchi e lasciare insaporire per, almeno, una settimana.

La preparazione si conserva bene per 3 mesi, oltre non saprei: è un puro caso che non l’abbia fatta fuori prima!

Utilizzare la giardiniera fatta in casa per farcire i panini, le pucce e le piadine. (Nell’immagine di copertina ho immortalato la mia puccia: uno strato di mayoveg, che però non si vede, insalata gentile, pomodori, olive taggiasche e, infine, la “giardiniera di zia Rosa”. Con pochi, semplicissimi  ingredienti sono riuscita a mettere su una cena stuzzicante!).

NOTE:

  • Io ho usato l’aceto di mele perchè mi è stato impossibile reperirne uno di vino che non contenesse solfiti. Se tu non hai le mie stesse paturnie, il classico aceto di vino bianco è perfetto!
  • Le verdure hanno macchiato il canovaccio, ma io sono riuscita a sbiancarlo, quasi alla perfezione, con ripetuti lavaggi in una pentola con acqua bollente, aceto e bicarbonato.

Spero che questa ricetta ti sia piaciuta tanto da spingerti a replicarla. Qualora lo facessi, ricorda di taggarmi su Instagram con #lapulcenellorecchio.

Precedente SANA EXPERIENCE 2018 Successivo FICHETTI CON MANDORLE E ZENZERO

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.