GELATO ALLA CREMA DI NOCCIOLE

GELATO ALLA CREMA DI NOCCIOLE

Con questa ricetta si conclude la triade dei gelati fatti in casa.

Se ricordi, tutto è nato da un’intuizione: la ricetta di una torta gelato al triplo strato, letta su una rivista. Il primo dubbio è stato se potere o meno veganizzarla, poi l’ho immaginata sotto una diversa forma, l’idea di mini porzioni o qualcosa di simile.

E’ stata una sfida divertente!

Sarebbe potuto risolversi in un fallimento, ma valeva la pena tentare, non fosse altro che per avere un’alternativa ai soliti, tristi gelati vegetali proposti in giro.

E poi mi serviva una pinella, da esibire a fine cena, per dare l’affondo finale al commensale onnivoro!

INGREDIENTI:

per il gelato:

  • 100 gr di Nocciolata Rigoni di Asiago senza latte;
  • 70 gr di Latte condensato vegetale;
  • 300 ml di Panna vegetale.

per il latte condensato vegetale:

  • 200 gr di Zucchero Semolato;
  • 150 ml di Latte di Soia senza zucchero;
  • 25 gr di Margarina vegetale;
  • 1 cucchiaino di Amido di mais.

per la decorazione:

PROCEDIMENTO:

LATTE CONDENSATO VEGETALE

Preparare il latte condensato vegetale la sera prima, così avrà il tempo di raffreddare bene.

Versare il latte in una ciotola e stemperarvi l’amido di mais.

In un pentolino far sciogliere la margarina vegetale; aggiungere il latte con l’amido; unire lo zucchero e mescolare bene. Da quando inizia il bollore lasciar cuocere per altri 5 minuti, continuando a mescolare, finchè non si addensa.

Trasferire in una ciotola di vetro e lasciar raffreddare completamente. Coprire e riporre in frigorifero.

Con questa dose si ottengono 300 ml di latte condensato (ho usato la parte restante per fare il gelato di more e mirtilli e quello allo yogurt).

GELATO ALLA CREMA DI NOCCIOLE

Amalgamare la crema spalmabile alle nocciole con il latte condensato vegetale e 2-3 cucchiai di panna vegetale.

Semimontare la restante panna e unirla, a più riprese, al composto di nocciole.

A questo punto, versare il gelato in uno stampo da plumcake da 20*12 cm e lasciare solidificare in congelatore per, almeno, 6 ore.

Estrarre del freezer una decina di minuti prima di servire e decorare con frutta secca a piacere. Io ho scelto le nocciole, i pistacchi ed il cocco disidratato Noberasco, l’unico senza anidride solforosa e zuccheri.

Completare con pochi cristalli di sale di Maldon e servire.

Spero che questa ricetta ti sia piaciuta tanto da spingerti a replicarla. Qualora lo facessi, ricorda di taggarmi su Instagram con #lapulcenellorecchio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.